‘e Figlie … so’ figlie

di Mario Canale regia Mario Canale

Vi è mai capitato di assistere ad uno spettacolo, film o commedia che sia e di pensare:” si ma poi che cosa è successo? Come continua la storia? “.   Ebbene è quello che io pensavo tutte le volte che assistevo ad una rappresentazione della   commedia di Eduardo de Filippo “Filumena Marturano”   rapito dalla bellezza del testo mi chiedevo:” Domenico Soriano saprà mai chi dei tre figli di Filumena fosse  anche suo figlio?”. Filumena si porterà questo enorme segreto nella tomba o lo rivelerà a qualcuno, i figli sapranno mai chi di loro è il legittimo erede di Domenico? Come convivere dunque con questi dubbi se non scrivendo  una mia personalissima e referente versione del futuro di Domenico Soriano e Filumena Marturano.

                                           Breve riassunto della precedente puntata

 Domenico Soriano  vedovo benestante,   frequenta  una casa di appuntamenti dove  conosce  la prostituta Filumena Marturano,  che diventa,  per ben venticinque anni,  la mantenuta di don Domenico (Mimì)  Amministrando  i beni e  casa Soriano come una vera e propria moglie.

Filumena si finge morente, e sposa  Domenico ” in articulo mortis”. La scoperta dell’inganno  sconvolge l’uomo  che reagisce con furia , facendo  annullare il matrimonio, quando la donna gli rivela di avere tre figli

Filumena  convoca  gl’ignari ragazzi,   e gli comunica   di essere la loro madre. I tre reagiscono sbalorditi ma uno di loro, Michele sposato e con 4 figli, l’accoglierà in casa sua. Infine  Filumena rivela a Domenico che uno dei tre è suo figlio ricordandogli di quando una notte volle amarlo di un amore vero che lui non capì, pagandola come al solito con una banconota che Filumena ha conservato e sulla quale ha segnato  la  data del concepimento di suo figlio: ora, dopo averne strappato l’angolo con la data, restituisce il denaro a don Mimì «…perché i figli non si pagano» 

 Domenico,   si convince  e decide di diventare  effettivamente   il padre dei tre giovani sposando, questa volta regolarmente Filumena,  la commedia si chiude con la donna seduta  al tavolo stanca della festa matrimoniale  ma soddisfatta perchè finalmente può esternare la propria gioia in un pianto liberatorio .

con

Francesca Perrelli

Fabio Gagliardi

Marina Lorè

Massimo Saccutelli

luciesuoni Massimo Luciani

trucco Nicla Fariello

foto Gabriella Branda

direttore di scena Giovanna Neiviller

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*